Per eseguire un debug è necessario fermare il servizio Windows "DaemonIAT".

Una volta fatto, assicurandoti che il ListenerIAT non sia in esecuzione, eseguilo manualmente dalla cartella Server presente nel path di installazione di IT Asset Tool.

Lanciandolo manualmente si evita che il Listener venga eseguito in background e sarà pertanto eseguito in modalità console permettendo così di visionarne eventuali log o problematiche.

Assicurarsi che il server Microsoft SQL sia raggiungibile alla porta TCP 1433 e che il Server SQL Accetti Connessioni remote.

Di seguito una guida per una corretta configurazione: 

https://www.it-asset-tool.com/it/documentazione/agent-less/installazione-di-microsoft-sql-server.html

N.B: Ricorda che di abilitare "SQL Server and Windows Authentication mode" per permettere le connesioni dall'utente amministrativo SQL "sa".

 

 

Per installare IT Asset Tool e collegarlo ad un server remoto è sufficiente installare IT Asset Tool da setup come fatto per la parte server. Prima di eseguire IT Asset Tool, copiare il file db.sqlite presente nella cartella di installazione del Server di IT Asset Tool a cui vogliamo connetterci.
Una volta eseguito "IATMng.exe" effettuiamo il login con le credenziali già in nostro possesso e dalla sezione "config" stoppiamo il "Management Service" e clicchiamo nel tasto "Uninstall" per rimuovere il Windows Service "DaemonIAT" dal pc Client.

Affinché tutti gli host vengano analizzati da IT Asset Tool è necessario che il Firewall nei vari Client non interferisca e che i seguenti servizi Windows siano abilitati su ciascun Client:

  • Chiamata procedura remota(RCP)
  • Remote Registry
  • Strumentazione gestione Windows

In aggiunta è necessario che il Client abbia il componente "Condivisione file e stampanti" attivo.

Una volta verificato che siano attivi accertarsi che il loro nome host sia risolvibile dal DNS interno e faccia parte come oggetto "Computers" in Active directory.

Di seguito un link alla guida: https://www.it-asset-tool.com/it/documentazione/agent-less/configurazione-agentless.html

 

Vai all'inizio della pagina